I discorsi di Giselle

  
spartito in pdf video in mp4

La storia narrata in queste pagine si è fermata al 2019,
quando era ancora estate a Combray.
Da allora la mia vita ha subito un'accelerazione sorprendente
che mi induce a ricordare quei momenti come parti di un tempo ormai lontano.
Questa impressione spinge la mia scrittura a sostituire il tempo prossimo del Diario
con quello remoto della narrazione e valuto con soddisfazione
l'idea che la forma di questo progetto presenti un nuovo sviluppo,
confermando sua natura dinamica, di forma in divenire.
Il proposito di queste pagine è proprio quello di testimoniare l'elaborazione di questa forma artistica nuova,
esplicitarne i procedimenti per raccontare la storia di un processo creativo musicale e testuale.
....................................................

Ora, rileggendo tutto quello che ho scritto nelle righe precedenti mi accorgo di essermi dilungato troppo,
di aver perso chiarezza e concentrazione per smarrirmi in una selva di asserzioni spesso arbitrarie,
esposte sempre in modo oscuro, o peggio ancora vaneggiante.
E questo mi spaventa molto. Perché so che potrebbe essere un annuncio, un preludio.

Per spiegare i motivi di questo turbamento dovrò tornare a quei giorni di fine estate.

Ricordo ancora il vago senso di smarrimento che avvertivo quando mi consegnarono le chiavi della casa sul viale che porta alla stazione. Le due finestre, in basso a destra nella fotografia, illuminavano tutta la parte che avrei abitato.
Il primo provvedimento che presi per rendere più accoglienti quegli spazi estranei fu quello di fare la spesa e riempire il frigorifero di alimenti e bevande.
Poi sistemai i vestiti nell'armadio,
sapone, spazzolino e rasoio in bagno.
Trasportai la scrivania davanti alla finestra, vi sistemai sopra il computer, i miei quaderni e i pochi libri che avevo portato.
Solo allora mi guardai intorno cercando il coraggio di sedere per chiedermi in tutta sincerità cosa stavo facendo a Combray,
solo, confuso e triste.
Una delle tante possibili risposte mi portò a valutare con attenzione l'ipotesi di Linda, convinta che tutto questo succeda solo perché sono pazzo.
Mi fermai a lungo per riflettere, mentre dalla finestra guardavo il viale con i suoi pochi passanti.

Cercavo una spiegazione all'urgenza irrazionale
di trovare chiarimenti sugli aspetti in ombra della vita di mio nonno,
Forse il vero obiettivo dell'indagine che stavo per compiere era quello di stabilire
se a scatenare la follia di Leverkuhn a Combray concorse una causa esterna,
un incidente, un episodio con una alta carica emotiva e traumatica,
o se invece quella infermità si trovava scritta dalla nascita nel sangue del nonno,
che per almeno un quarto è anche il mio sangue.
E questo dettaglio spiega bene le origini dell'ansia che mi accompagna da tempo
e mi spinge addirittura a sorvegliare con inquietudine la coerenza dei paragrafi che scrivo.

Per uscire dallo sgradevole stato di allarme che mi procurava la teoria di Linda
mi costrinsi a valutare un'altra risposta, tra quelle verosimili che potevo trovare
alle mie domande e, come nella musica, trovai convincente quella più naturale,
che spiegava l'origine di tutta questa storia con la necessità, inespressa ma decisiva,
di trovare un posto dove stare in santa pace per scrivere musica, pensare e fare i conti con la vita passata.
Quelli erano certamente i veri motivi che mi avevano portato in quella regione.

Solo allora mi sentii pronto a uscire per respirare l'aria satura di sogni
di quel paese incantato che per molto tempo era stato il centro delle mie fantasie letterarie.
Sentivo il bisogno di camminare, di guardarmi intorno e di ritrovare quella realtà più solida e positiva
che solo l'incontro con altri membri della mia specie poteva restituirmi.
Così tornai all'osteria delle "Due Sorelle",
che si trova alla fine di quel ponticello che quasi certamente portava dalla parte di Swann,
e dove grazie a una delle sorelle avevo trovato casa in paese.

Speravo di incontrare qualcuno che si ricordasse di avermi visto quel giorno
e in virtù di quel primo incontro poi dimenticato
mi facesse la cortesia di scambiare qualche parola.

Mentre chiedevo omelette e insalata mi disturbò l'idea che in tutto il mio soliloquio pomeridiano
avevo iniziato a parlare con me stesso come a un estraneo malintenzionato,
congedando temporaneamente qualsiasi ambizione di sincerità dal mio orizzonte.
Così decisi di aggiungere alla composizione del menù un'ottima bottiglia di Chablis.
Ubriacarsi poteva essere una buona risposta
alla mestizia che mi aveva invaso dopo quel primo pomeriggio
sacrificato interamente ai grandi interrogativi.

E intanto mi guardavo intorno; vidi che a quell'ora, con il buio, la tabaccheria-bar-tavola calda del ponticello
si trasformava ancora, questa volta in birreria, per accogliere il dopo cena di qualche giovane del paese,
di qualche coppia in via di formazione o separazione,
di gente che non aveva più voglia di stare a casa a guardare la televisione,
donne e uomini che "venivano a farsi un bicchierino",
come in seguito appresi che dicevano di loro stessi,
e a scambiarsi battute di scherno reciproco
intese da tutti come dichiarazione di affetto tra compari.
Così era l'ambiente, chi era in giro a Combray a quell'ora,
capitava fatalmente alla taverna delle due Sorelle, di fronte al ponte,
che non aveva grandi pretese ma accoglieva tutti con tolleranza e simpatia.

Alla fine della cena, la mia bottiglia era piena a metà,
ma abbastanza vuota da suggerirmi di riempire ancora il bicchiere per alzarlo
verso due giovani donne che, sedute ad un tavolo vicino,
continuavano ad osservarmi e parlottare divertite.
Le sventurate risposero alzando i loro calici e sorridendo.
In pochi istanti mi trovarono seduto al loro tavolo
mentre con la mia mezza bottiglia riempivo i loro bicchieri vuoti.
Forse stavano bevendo Champagne o qualche spumante dei loro chateaux
ma si convertirono prontamente la mio Chablis e così ordinai un'altra bottiglia.
La serata si mette bene, pensavo ormai in preda ad un blando ottimismo alcolico.

Si presentarono come Giselle e Andrée, erano giovani dal mio punto di vista,
dai trenta ai trentacinque anni, Andrée era molto bella e il suo fascino veniva amplificato
dall'evidenza che la sua bellezza, come di solito succede ai bambini, non le era nota.
Giselle era quella che parlava, era lei a chiedere o raccontare, sempre a nome di entrambe,
mentre Andrée assentiva convintamente a tutto quello che Giselle diceva,
assentiva su tutto, anche sulle domande che Giselle mi poneva,
anche sui dubbi dell'amica, Andrée approvava in silenzio.
Immaginai che le piacesse la solitudine e vivere ritirata nei confini di se stessa.
Per avviare il discorso non trovai di meglio che proporre argomenti educati,
come il tempo e la bellezza di quei luoghi.
Ma Giselle volle arrivare subito al dunque.
Perché ero a Combray e per quanto tempo ci sarei rimasto?
Voleva ad ogni costo essere lei a dirigere la conversazione,
e pur ascoltando con riguardo le poche parole che riuscivo a dire,
riprendeva saldamente la parola alla prima occasione,
e la teneva con sicurezza, esercitando una forma di flusso di coscienza,
teso a comunicare tutti i suoi pensieri, ma seguendo per la loro traduzione verbale
un percorso lontano dai sentieri sicuri della via maestra,
e sviluppato attraverso procedimenti dialettici secondari.

Rimasi tanto affascinato dallo stile verbale di Giselle che ho voluto ricercarlo
nello studio 59-I discorsi di Giselle, dove imito il filo logico e i modi del suo discorrere,
le variazioni che utilizza per moltiplicare l'idea originale,
il ritmo delle argomentazioni che Giselle governa con naturalezza tra battere e levare,
la conclusione della sua esposizione,
che si ripropone inaspettatamente per ribadire un concetto già espresso
ma trattato, questa volta, in ambiti diversi e forse meno convincenti dei primi.

Questi erano i miei pensieri mentre mi trovavo esposto al suo bombardamento verbale.
Volle sapere tutto di me,
Quanti anni avevo? 58.
Ero sposato? Non più.
Figli? 1.
Quando le dissi che sono un musicista volle essere informata su ogni cosa,
ma prima di tutto volle sapere quanto guadagna un musicista,
e più precisamente quanto guadagnavo io.
Mi piacque questa sua aggressione, era franca e leale.
Provai con dolcezza ad informarla che la musica non è solo un tentativo di conquistare un pubblico,
a volte può presentarsi come una necessità dell'anima,
un piacere privato, un esercizio di verità, una ginnastica spirituale.
Dissi che la musica può essere praticata in modi diversi,
aggiunsi che alla mia età pensare di iniziare la ricerca di un mercato
sarebbe stata un'idea ridicola e indecorosa.
E conclusi dichiarando che mi trovavo nel loro paese
per scrivere una sonata capace di rivelare il segreto della verità e della bellezza, a tutti, indistintamente.
Di tutto il resto non mi importava niente. (Ero piuttosto ubriaco).

Mi guardarono come se avessi confessato di avere ucciso i miei genitori e incendiato la loro casa.

Giselle fu la prima a riprendersi e mi chiese:
lo sai che un artista che si rispetti deve essere infelice nella vita? Tu sei infelice?
Per accordarmi al loro modo di esprimersi risposi che la mia carica di felicità
in quel momento registrava tra il 60 e il 70 per cento di attività
e questo purtroppo mi avrebbe escluso dalla cerchia dei rispettabili.
Eppure non hai l'aria di divertirti molto. Non ti annoi da solo?
No, ho molti pensieri che mi occupano tutta la giornata.
Meglio per te e per tutti, concluse Giselle,
di questi tempi l'aria triste non è considerata di buon gusto,
oggi va di moda l'aria annoiata, e chi non si aggiorna viene classificato come perdente.
Tu comunque ci piaci, la vita di chi lavora è noiosa
mentre i perdigiorno come te sono più interessanti,
hanno più cose da raccontare e le raccontano meglio.

Mi chiesi se stesse scherzando o se davvero credesse in tutto quello che diceva.
Allora conoscevo poco Giselle, non sapevo ancora che lei considera il sarcasmo come il suo lato simpatico.
Proposi allora di concentrarci su una terza bottiglia di Chablis, ma visto che la notte era calda e stellata
decidemmo di lasciare il locale per andare a sedere in riva al fiume.
Una volta arrivati Andrée si mise a preparare certe sigarette di marijuana,
mentre io attendevo un breve riposo del crescente dialettico di Giselle per chiedere di loro.
Trovai il momento giusto per infilare una domanda sulla loro vita a Combray
e l'argomento stuzzicò l'euforia verbale della mia nuova amica.

Noi in questo paese ci siamo nate e vissute,
immerse nella realtà tipica dei paesi di provincia,
diretti culturalmente da una minoranza bigotta e moderata.
In chiesa pregano un Dio in cui non credono,
considerano la povertà come uno sconcio alimentato da abitudini viziose,
le pagine dello sport sono la loro unica lettura,
e questo rivela una desolante assenza di vita interiore,
si credono moderati ma sono il vero corpo reazionario del paese.
Sono fatti così, ma ormai ci siamo affezionate a questa gente,
e poi sono quasi tutti nostri parenti.
(Forse è stata proprio la seconda chiusura della sua esposizione
a suggerirmi la composizione dello studio sui discorsi di Giselle).

Io e Andrée siamo lo scandalo del villaggio
perché come avrai capito siamo una coppia affiatata,
la nostra unione è solida, pubblica, e risolutamente biasimata da tutti,
perché rappresentiamo con orgoglio la prima coppia lesbica che vive in paese.

Non lo avevo capito per niente, e caddero dalle nuvole tutte le mie luminose fantasie carnali,
senza lasciarmi il tempo di decidere se indirizzarle sull'una o sull'altra.
Mi consolai presto pensando che quella situazione mi avrebbe evitato un sacco di grattacapi e complicazioni.
La bella notizia era che Giselle e Andrée sapevano tutto di tutti
e mi sarebbero state di grande aiuto nella progressione della mia indagine.
Seppi che avevano una vecchia bottega di articoli di antiquariato,
e un comodo appartamento proprio sopra al negozio, dove abitavano ormai da anni.
Andrée, che aveva ricevuto quella casa in eredità, aveva lasciato tutto com'era,
senza cambiamenti, compresa l'insegna del negozio, vecchia e malridotta.

Quella bottega, che aprivano solo nel pomeriggio,
assicurava alle due ragazze le necessarie risorse per vivere,
e solo raramente Giselle e Andrée si trovavano nella condizione
di dover sporgere qualche bolletta ai genitori comprensivi e prodighi.
Vendevano vecchie cartoline, qualche ritratto, vestiti e cappelli degli anni Venti,
lettere antiche di sconosciuti a ignoti destinatari, e altre mille cianfrusaglie.
Questa attività dava loro modo di conoscere tutti i visitatori di Combray,
che venivano spinti fatalmente dal loro istinto di cacciatori
verso gli scaffali e gli scatoloni di quella bottega da Herry Potter.
E oltre a quel fantastico punto di osservazione per pellegrini e visitatori occasionali
conoscevano a fondo buona parte dei loro compaesani.
Quelle due ragazze sarebbero state per me una fonte di informazioni preziosissime
ed ero molto contento di questo incontro e della cordiale amicizia che avevamo stretto.

Ne approfittai subito per chiedere se qualcuna ricordasse di un tedesco
che aveva abitato quel paese per qualche tempo negli anni Venti.
Ci pensarono con impegno, ma no, non ricordavano storie di abitanti stranieri.
E poi in quegli anni c'era la guerra, non sarebbe stato possibile che un visitatore dalla Germania
avesse potuto dimorare tranquillamente nel loro paese in quegli anni.
Prima c'era la guerra, e dopo la guerra i tedeschi continuarono a essere malvisti da queste parti.
La notte era profumata ed era cessato il passaggio di automobili sul ponte.
Discorremmo ancora di tutto quel che c'era da dire, la vita, i progetti, i pensieri,
e finimmo, mentre iniziavano a cantare gli uccelli del mattino,
per raccontarci storie di morti che lasciavano messaggi nelle segreterie telefoniche
o che più recentemente trasmettevano ai telefonini di figli o amanti
lamentele o profezie in formato SMS.
Quando Andrée disse che forse noi tutti eravamo solo i sogni di un alieno
ci guardammo atterriti e decidemmo di comune accordo che era ora di andare a dormire.
Fu mentre mi accompagnavano alla mia nuova casa sul viale che Giselle ricordò qualcosa
su un abitante straniero che forse era vissuto per qualche tempo a Combray.
Ci chiese di fermarci per poter pensare.
Non potei fare a meno di osservare che non riusciva a pensare e camminare nello stesso tempo.
e questo mi portò a ricordare il Nixon della barzelletta,
che si confondeva quando provava a passeggiare e contemporaneamente masticare la gomma.
Non ero concentrato, divagavo mentre Giselle rifletteva,
e quello fu un errore, una di quelle leggerezze che vorrei evitare.

- Ecco chi dice che suo nonno era tedesco: Charles!
- Charles, le fece eco Andrée.
- E chi è Charles?
- Charles è il matto del paese, avrai sentito dire che dietro ogni scemo c'è un villaggio,
Charles è il nostro, e noi gli vogliamo tutti bene perché è buono come il pane.
Ma è matto come un cavallo, parla da solo e gira tutto il giorno per il paese dicendo cose assurde.
Non si chiama neanche Charles, ma tutti lo chiamano così
perché ha continuato a ripetere per anni che il suo nonno (il tedesco),
era il miglior amico di Charles Swann, quello del libro.
Forse si aspettava che questo dovesse garantirgli la gloria e gli onori di tutto il paese,
qualcuno dice che la sua follia è iniziata quando ha capito
che nessuno in paese ormai sapeva più chi era questo Swann.

Ci lasciammo davanti alla porta di casa mia,
cercai un congedo rapido per nascondere il mio turbamento,
che stava crescendo rapidamente e volgeva in tempesta
davanti all'ipotesi verosimile e testimoniata che mio nonno avesse potuto concepire un figlio,
qui a Combray, nel lungo periodo che aveva trascorso in questi luoghi,
impegnato a scrivere i suoi grandi capolavori.
La notizia che il figlio di quest'uomo, fratellastro di mio padre,
fosse ritenuto pazzo da tutto il paese, non poteva che infiammare il mio allarme
e alimentare i più oscuri presentimenti.

Lasciai le ragazze dopo che ci fummo accordati per il giorno dopo.
Sarei andato a trovarle nella loro bottega,
e loro avrebbero cercato Charles,
che volevo incontrare al più presto.

Si avviarono chiacchierando allegramente ma poi vidi Giselle ritornare di corsa per dirmi
che erano piuttosto seccate che non mi fossi innamorato di nessuna delle due,
e volevano farmelo sapere.
Erano ragazze davvero simpatiche,
ero stato fortunato a trovarle,
quella prima sera a Combray.


  
spartito in pdf video in mp4

indietro adriano@diariomusicale.com avanti